Francia, studenti “pagati” per andare a scuola

Francia, studenti “pagati” per andare a scuola

Di Giampiero Martinotti, Esteri, Repubblica.it
PARIGI- Pagare gli studenti perché vadano a scuola, incitarli finanziariamente a non “bucare” le lezioni nella speranza di far abbassare l’assenteismo scolastico nelle banlieues: da lunedì, tre istituti professionali della periferia parigina sperimenteranno un sistema già adottato dalla Gran Bretagna. Una scommessa che non piace a tutti e che divide il mondo politico e quello educativo, che da anni cercano invano la formula magica per evitare che i ragazzi delle famiglie più povere finiscano la loro carriera scolastica senza uno straccio di diploma.

La scelta di Jean-Michel Blanquer, provveditore agli studi di Créteil, è infatti dettata da questo motivo : riportare sui banchi i ragazzi più sfavoriti. Che marinano allegramente le lezioni e finiscono per abbandonare rapidamente gli istituti professionali. Il che generalmente significa emarginazione, piccola delinquenza, povertà. Da una decina d’anni, i vari governi hanno maneggiato il bastone e la carota per tentare di arginare il fenomeno, passando dai biglietti di cinema per gli allievi migliori alla soppressione dei sussidi sociali versati ai genitori dei più assenteisti. Senza mai ottenere risultati degni di nota.

Adesso, si tenta, in via sperimentale, la soluzione finanziaria. Concretamente, le sei classi prescelte in tre istituti professionali avranno una “cassa” di partenza, fittizia, di 2 mila euro. Ogni due mesi, il fondo potrà aumentare di altri 2 mila euro in funzione dell’assenteismo e della valutazione sulla ”vita di classe” data dai professori. A giugno, ogni classe potrebbe avere, nel migliore dei casi, 10 mila euro. I ragazzi, tuttavia, non se li metteranno direttamente in tasca: i soldi guadagnati dovranno essere utilizzati per alcune attività collettive.

Rivelata dal Parisien, l’iniziativa è stata confermata da un rappresentante del Alto commissariato ai giovani, che ha precisato : “Non siamo nella logica di una vincita individuale, ma di un progetto collettivo e per farlo funzionare occorre una solidarietà di gruppo. Il progetto che potrà essere finanziato a fine anno dev’essere educativo: un viaggio scolastico, la creazione di un’impresa o di un’associaaione, la ristrutturazione della classe, l’acquisto di materiale informatico, sportivo o culturale”. Altri non escludono che i fondi possano essere utilizzati anche per pagare i corsi teorici di guida : “E’ una domanda che viene dai ragazzi – dicono al provveditorato – perché la patente è indispensabile alla loro futura vita professionale. Finanziare questi corsi significa dimostrare che la scuola si preoccupa del loro avvenire”. Se le cose andranno bene, l’idea sarà estesa a un’altra trentina di classi, per poi essere forse generalizzata nel paese.

Questa forma di incentivi esiste già in Gran Bretagna, ma su basi diverse: gli incentivi sono versati a ogni ragazzo e non ci sono progetti collettivi. Nonostante questa differenza non trascurabile, sono in molti, specie a sinistra, a opporsi a questa idea : “Il ruolo della scuola non è quello di insegnare ai ragazzi come guadagnare soldi con tutti i mezzi”, ha detto il presidente socialista della regione Ile-de-France. Tanto più, ha aggiunto, che se il sistema fosse esteso a tutte le 29 mila classi degli istituti professionali francesi costerebbe caro: fra i 28 e i 290 milioni. Alcuni educatori, dal canto loro, sostengono che la scuola deve saper sedurre gli studenti, offrire lezioni interessanti, e non quattrini, per spingerli a sedersi ogni mattina sui banchi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...