Il lavoro più richiesto? L’infermiere ma metà dei posti restano vacanti

Il lavoro più richiesto? L’infermiere ma metà dei posti restano vacanti

All’appello mancano 27.000 universitari in discipline scientifico-economiche
e 54.000 studenti di istituti tecnico professionali. In eccedenza le laure politico-sociali
Il lavoro più richiesto? L’infermiere
ma metà dei posti restano vacanti
Una ricerca Unioncamere sulle professioni “introvabili”

E’ quella dell’infermiere la professione più richiesta
ROMA – E’ quella dell’infermiere la professione più richiesta, a fronte di un’offerta inferiore di oltre il 50 per cento alla domanda. E ancora, tra le professioni che garantiscono lo sbocco migliore in questo momento, sviluppatori di software, fisioterapisti, esperti fiscale, progettisti nel settore metalmeccanico, analisti programmatore informatico, farmacisti, progettisti elettronici e meccanici e infine educatore professionale. Sono dati di uno studio di Unioncamere presentato a Job&Orienta 2009, il salone nazionale dell’orientamento alla Fiera di Verona. Si tratta, spiegano gli analisti di Unioncamere, “di professioni che vengono considerate ‘introvabili’ da parte delle aziende e che presentano, quindi, una più elevata probabilità di rapida assunzione”.

Ma quante sono le figure professionali richieste e non di facile reperimento per le aziende? In base alle rilevazioni di Unioncamere, mancano all’appello 27.000 laureati scientifico-economici e 54.000 diplomati tecnico-professionali. Per quanto riguarda i laureati, in dettaglio ne ‘mancano’ 7.700 a indirizzo tecnico-scientifico (ingegneria, matematica, fisica, biologia, geologia, chimica, farmacia, agraria), quasi 12.000 in discipline economico-statistiche e 8.000 in discipline medico-sanatarie. E questo, sottolinea lo studio, “nonostante la fase di recessione abbia portato molte imprese a rivedere al ribasso i propri programmi di assunzione e l’offerta di neolaureati che si affacciano al mondo del lavoro continui ad assumere”.

Dall’altro canto, c’è invece un eccesso di offerta sul fronte delle discipline politico-sociali: Uniocamere valuta un’eccedenza di circa 15.000 laureati in sceinza della comunicazione, scienze politiche e sociologia, e di circa 18.000 laureati in scienze umanistiche (in particolare il riferimento è a laureati in lettere, lingue e psicologia) in eccesso rispetto alle aspettative del mondo del lavoro.

I diplomati più richiesti sono quelli degli istituti tecnico-professionali: infatti nel 2009 le aziende, secondo le stime, hanno programmato un numero di assunzioni comprese tra le 137.000 e le 212.400 unità, ma quest’anno gli ingressi nel mondo del lavoro non supereranno i 158.700 diplomati. In particolare, le aziende lamentano l’irreperibilità di diplomati in indirizzo meccanico: servono tornitori, meccanici di autoveicoli e assemblatori di apparecchiature meccaniche.
(28 novembre 2009)da la Repubblica

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...