L’accordo per Pomigliano in otto punti

L’accordo per Pomigliano in otto punti

I lavoratori dello stabilimento Fiat di Pomigliano hanno ieri espresso il loro parere sull’intesa tra la società e i sindacati (Fiom esclusa) per il rilancio del complesso industriale. Il 62,2% dei votanti si è espresso a favore del piano, ma che cosa prevede in concreto l’accordo proposto dalla Fiat? Ecco la sintesi.

1. Orari di lavoro
La produzione dei veicoli sarà realizzata per 24 ore al giorno e per 6 giorni la settimana, sabato compreso, con 18 turni settimanali per coprire la catena di montaggio. Ogni turno avrà la durata di 8 ore, con la pausa mensa, fissata dal contratto nazionale, di 30 minuti. Solo che la pausa mensa viene spostata a fine turno.  Dunque, per i lavoratori, si tratterebbe di fatto di sette ore e mezza senza refezione. La mezz’ora di mensa, poi, può essere (sarà) sacrificata per recuperare le perdite di produzione.  Le attività di manutenzione saranno invece svolte su 7 giorni per 24 ore giornaliere, nei tre turni e con le stesse modalità.

2. Straordinari
Fiat si riserva di far ricorso a 80 ore di straordinario in più per lavoratore all’anno, senza dover ottenere un via libera dai sindacati, sui turni di lavoro interi. Queste 80 ore non negoziabili si aggiungono alle 40 ore già previste dal contratto collettivo nazionale. In tutto, dunque, 120 ore di straordinario obbligatorio: tre settimane di lavoro. I lavoratori saranno avvisati (“di norma”) con quattro giorni di anticipo sulla necessità di fare straordinario, e ci sarà un margine di tolleranza sulle ore pari al 20%, cosa che consentirà la sostituzione con personale volontario. Inoltre, per esigenze produttive, per i singoli operai lo straordinario potrà raggiungere le 200 ore annue, da effettuare durante la pausa di mezz’ora (di cui sopra) prevista al cambio turno.

3. Bilanciamenti produttivi
La mobilità interna tra le aree produttive manterrà un’alta flessibilità per consentire una distribuzione omogenea dei lavoratori durante i loro turni. In pratica entro la prima ora di ogni turno gli operai potranno essere spostati per coprire assenze, carenze o problemi tecnici.

4. Organizzazione del lavoro
Il piano prevede l’investimento in alcune nuove soluzioni per ottimizzare i tempi alla catena di montaggio e riorganizzare così le pause. Si passerà a un regime di tre pause da 10 minuti ciascuna da fruire collettivamente nell’arco del turno di lavoro. Scompaiono le due pause da 20 minuti, sostituite da tre pause da dieci minuti, e si perdono quindi 10 minuti di pausa in ogni turno. Ovviamente, alle due pause di 20 minuti, nel regime precedente, si sommava la mezz’ora mensa – che, ora, come abbiamo visto, sarà spostata a fine turno e, per più o meno obbligatorie esigenze di produzione, sarà destinata a saltare. (I dieci minuti in più – senza tener conto dei limiti di saturazione – saranno retribuiti come “indennità di prestazione collegata alla presenza”: nel migliore dei casi, 30 euro lordi al mese).

5. Formazione e ristrutturazione
Mentre Fiat provvederà a ristrutturare lo stabilimento, i lavoratori seguiranno una serie di corsi di aggiornamento. I corsi di formazione saranno tenuti nel periodo di cassa integrazione dei lavoratori e saranno obbligatori per tutti gli operai implicati (le spese di trasporto saranno a carico dei lavorattori in cassa integrazione). Il rifiuto di seguire i corsi o l’assenza non motivati saranno perseguiti disciplinarmente.

6. Cassa integrazione
Nei due anni previsti per ristrutturare l’impianto, Fiat ricorrerà alla cassa integrazione straordinaria.

7. Assenteismo e scioperi
La società si riserva di non retribuire, com’è tenuta a fare, i primi tre giorni di malattia, quando ritenga di considerarli casi di “assenteismo anomalo” – solitamente registrati nei picchi di assenze per malattia, per scioperi e per “messa in libertà” per cause di forza maggiore.

8. Clausole di responsabilità e di esigibilità
Le parti hanno anche compilato una “clausola di responsabilità” con l’impegno di rispettare quanto stabilito nell’intesa, pena effetti liberatori per l’azienda. Si prevede una “commissione paritetica” incaricata di valutare le controversie sulle circostanze di assenze, scioperi e deroghe varie, restando comunque l’ultima parola all’azienda.
Il venir meno, da parte del singolo lavoratore, per qualsiasi motivo, anche ad una sola delle clausole previste nell’accordo, costituisce un’infrazione punibile con provvedimenti disciplinari e licenziamenti e comporta il venir meno dell’efficacia nei suoi confronti delle altre clausole.

3 thoughts on “L’accordo per Pomigliano in otto punti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...